Salta al contenuto
Rss




Parco Naturale Alpe Devero Istituito con legge approvata dal Consiglio Regionale del Piemonte il 4 marzo del 1995, il Parco Naturale dell'Alpe Veglia e dell'Alpe Devero, con la zona di salvaguardia che lo precede (Preparco) è costituito da due ampie conche di origine glaciale, al lembo occidentale delle Alpi Lepontine: l'Alpe Veglie e l'alpe Devero.
Diviso amministrativamente tra i comuni di Varzo, Trasquera, Baceno e Crodo, il territorio protetto si estende così, senza soluzione di continuità, dal Monte Leone fino alla Punta d'Arbola, per più di ottomila ettari, confinanti ad Est con l'Alta Valle Formazz, a Sud Est con la Valle Antigorio, a Sud con la Val Divedro, a sud Ovest con la Valle del Sempione, a Nord con le valle laterali della valle del Rodano, dove si trova la gemella Riserva Binn.
Risultato di un lungo cammino iniziato nei primi anni del secolo, il primo nucleo del parco è nato alla fine degli anni Settanta per tutelare l'Alpe Veglia, ma è solo l'inizio degli anni Novanta che finalmente anche l'area del Devero è diventata Parco Naturale. Incuneato tra il Vallese e l'ossola, da sempre il territorio del parco ha costituito una comada via di passaggio di merci tra Nord e Sud; non a caso, le prime tracce della presenza umana risalgono alla prestoria.
Sin dal Medioevo, i pascoli dei due alpeggi sono stati intensamente sfruttati dagli abitanti del fondo valle, che, nel corso dei secoli, hanno modificato profondamente il paesaggio naturale, piegandolo ai propri bisogni: incanalando le acque, bonificando i terreni paludosi, limitando il sottobosco di mirtilli e rododendri per aumentare la superficie coltivabile, costruendo nuclei abitativi.
L'interesse turistico per questi luoghi nasce verso la fine del secolo scorso, incentivato dalla moda dei viaggi, delle esplorazioni alpine e, non ultimo, dalla scoperta di una fonte di acqua minerale ferruginosa all'Alpe Veglia. Vengono costruiti i primi alberghi e il flusso dei turisti continua ad aumentare fino ai nostri giorni.
Ma, nonostante le modifiche apportate dall'uomo dall'uomo e dalle variazioni climatiche , il fascino e la bellezza di queste vallate si sono conservati integri e la loro preservazione è compito primo del Parco, accanto alla valorizzazione del lavoro delgli alpigiani.







Inizio Pagina Comune di BACENO (VB) - Sito Ufficiale
Via Roma n.56 - 28861 BACENO (VB) - Italy
Tel. (+39)0324.62018 e 62174 - Fax (+39)0324.62581
Codice Fiscale: 00422770032 - Partita IVA: 00422770032
EMail: protocollo@comune.baceno.vb.it
Posta Elettronica Certificata: baceno@pec.it
Web: http://www.comune.baceno.vb.it


|